alpadesa
  
sabato 21 settembre 2019
Flash news:   Rogo all’Ics di Pianodardine, l’Arpac: “livelli di diossina sotto la soglia di pericolo già sabato” Avellino calcio, info biglietti per le prossime gare dei lupi Volley, la piscina comunale di Mercogliano ospita la preparazione della Green Volley Atripalda Presentato questa mattina al centro Campanello il bando per il servizio civile con l’assessore regionale Fortini: 68 i posti disponibili Scooter elettrico a prezzo conveniente: i Carabinieri di Mercogliano denunciano un 40enne Servizio civile universale, domani l’assessore regionale Fortini al centro Campanello Ignoffo: «Tre punti fondamentali, ma abbiamo sofferto fino alla fine» L’Avellino corsara con il Picerno: terza vittoria consecutiva Incendio a Pianodardine, la Prefettura: “Non si evidenziano sforamenti dalle analisi. Cessate le esigenze di limitazioni alla mobilità e chiusura delle scuole” Incendio Pianodardine, Camminata Rosa rinviata a data da destinarsi

Poule scudetto, l’Avellino conquista la finale

Pubblicato in data: 1/6/2019 alle ore:07:42 • Categoria: Avellino calcioStampa Articolo

Quattordicesima vittoria di fila e porta ancora inviolata per la Calcio Avellino SSD che, con il netto risultato di 3-0, si impone nella semifinale-Scudetto battendo la Pergolettese,  vincitrice del girone D di LND.

I biancoverdi trovano il successo grazie alla doppietta su punizione di Alessandro Di Paolantonio, confermato in mezzo al centrocampo nel 4-4-2 offensivo di Mister Bucaro. A tempo quasi scaduto, è Nicola Ciotola a rendere ancora più rotondo il risultato ribadendo in porta un miracolo del portiere Chiovenda dopo una botta a colpo sicuro di Nando Sforzini.

Brividi sul finire del primo periodo di gioco, quando è la Pergolettese a rendersi pericolosissima in ben due occasioni: prima con un colpo di testa di Bertoluz che finisce sulla traversa e poi con un gran tiro di prima da fuori area di Cazzamalli che si schianta con veemenza sulla base del palo.

L’Avellino, dopo aver cenato a Gubbio, si è spostato in direzione Perugia, dove svolgerà la rifinitura in vista dell’attesa finale. Match in programma al “Curi” alle ore 16, diretta su Repubblica TV.

“Il nostro avversario ha giocato bene, creando anche occasioni importanti – commenta mister Bucaronoi però veniamo da un cammino importante e non vogliamo fermarci sul più bello. Proveremo a vincere anche questa competizione e a portare il tricolore sulla maglia dell’Avellino”.

“Sono contentissimo per i miei due goal ma ancora di più per la prestazione della squadra – dichiara Alessandro Di PaolantonioLe due realizzazioni su punizione? Nel primo caso era uno schema, ma il nostro attaccante era marcato e quindi ho provato a cercare la porta. La seconda era da una posizione molto favorevole ed è andata bene. Ora sotto con lo Scudetto per provare a coronare un percorso meraviglioso”.

Marcatori: pt 22′ Di Paolantonio; st 34′ Di Paolantonio, 50′ Ciotola.

Avellino (4-2-4): Lagomarsini; Betti, Morero (1′ st Capitanio), Dionisi, Parisi; Buono, Di Paolantonio (40′ st Carbonelli); Tribuzzi, Alfgeme (18′ st Matute), De Vena (31′ st Sforzini), Da Dalt (12′ st Ciotola).

A disp.: Longobardi, Patrignani, Rizzo, Pepe.

All.: Bucaro.

Pergolettese (4-3-3): Chiovenda; Fanti, Fabbro, Bakayoko, Villa; Muchetti (27′ st Panatti), Manzoni (37′ Piras), Cazzamalli (31′ st Okyere); Russo (12′ st Morello), Bortoluz, Bitihene (12′ st Franchi).

A disp.: Stucchi, Manfroni, Lucenti, Shiavini.

All.: Contini.

Arbitro: Nicolini di Brescia.

Assistenti: Giuggioli di Grosseto e Spina di Palermo.

Ammoniti: 18′ pt Bakayoko, 16′ st Parisi, 41′ st Villa, 44′ st Okyere (gioco scorretto);

Angoli 5-4;

Recupero 2′ pt.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento