alpadesa
  
Flash news:   Isochimica, morto un altro operaio per amianto. Domani i funerali a Mercogliano Chiave di Montevergine: firmato l’accordo tra Provincia e Comune Avellino, il centrocampista Tomas Federico è un nuovo tesserato Giorno della Memoria, il sindaco di Mercogliano D’Alessio: ”la conoscenza del passato è l’antidoto per il futuro” Oggi il Giorno della Memoria per non dimenticare la tragedia della Shoah Non basta Micovschi, finisce 1-1 col Picerno “Verità per Giulio Regeni”: a quattro anni dalla scomparsa restano ancora ombre La Scandone Avellino battuta da Citysightseeing Palestrina per 57-60 Capocastello, iniziano i lavori di messa in esercizio della rete del gas Avellino, arriva il portiere Andrea Dini

Chiusura Sentiero Mamma Schiavona, Graziano (M5S): “Bene la decisione del Comune su nostra segnalazione. Priorità alla sicurezza“

Pubblicato in data: 21/10/2019 alle ore:20:59 • Categoria: Politica, Movimento 5 StelleStampa Articolo

Rispetto alla notizia apparsa in questi giorni su alcune testate giornalistiche irpine in merito all’ordinanza di chiusura del cosiddetto “Sentiero di Mamma Schiavona” il consigliere comunale di Mercogliano, Giuseppe Graziano, portavoce del Movimento 5 Stelle, precisa quanto segue:
A seguito di diverse segnalazioni ricevute da molti concittadini sullo stato di degrado ed abbandono del percorso turistico-religioso “Sentiero di Mamma Schiavona”, che pone in comunicazione i Comuni di Mercogliano ed Ospedaletto d’Alpinolo con il Santuario di Montevergine e presa io stesso visione della situazione di potenziale pericolo per i numerosi visitatori, a fine settembre ho presentato un’istanza all’attenzione del sindaco D’Alessio chiedendo un pronto interessamento per la messa in sicurezza della zona al fine di evitare danni a persone o cose, coinvolgendo, laddove necessario, gli altri Enti preposti alla tutela, ognuno per quanto di propria competenza.
In prima battuta ho ricevuto una risposta da parte del primo cittadino in cui si evidenziava che il Comune si stava attivando per ogni iniziativa utile al recupero dei finanziamenti finalizzati alla messa in sicurezza del sentiero.
Successivamente, però, l’ufficio tecnico ha firmato una comunicazione più puntuale nella quale, per quel che concerne la porzione di percorso non ricadente nell’ambito del territorio comunale di Mercogliano, si sono invitati e diffidati gli intestatari dei suoli, cioè la Comunità Benedettina e l’Agenzia Del Demanio, a disporre con l’urgenza le verifiche delle condizioni di sicurezza del sentiero, rimuovendo ogni eventuale pericolo. Inoltre, nelle more delle verifiche e sino ad attestazione – da parte di un tecnico abilitato – di assenza delle condizioni di pericolo, per la parte di sentiero ricadente nel territorio comunale di Mercogliano, è stato inibito l’accesso con barriere da monte a valle.
Questa comunicazione è stata trasmessa al Comune di Ospedaletto d’Alpinolo affinché valuti le condizioni di sicurezza del tratto di sentiero ricadente nel proprio territorio anche al fine di adottare eventuali provvedimenti a tutela incolumità pubblica e privata.
Non posso che essere contento del fatto che finalmente sia stato dato il giusto peso alla nostra segnalazione, con la messa in stato di allerta di tutti gli Enti preposti e conseguenti decisioni in merito. Bisogna sempre dare priorità alla sicurezza dei cittadini e sono certo che nessuno si tirerà indietro rispetto alle proprie responsabilità. Solo uniti si riesce a gestire e migliorare il progetto – così importante per la comunità del Partenio – della valorizzazione del nostro splendido territorio e del potenziamento del turismo non solo religioso.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento