alpadesa
  
Flash news:   Sporting Tennis Team Mercogliano, Vittoria Vecchiarelli vice campionessa regionale under 10 Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno, intervista al dottore Antonio Limone. Video Prevenire i furti nelle abitazioni: i consigli dei Carabinieri del Comando provinciale di Avellino Mercogliano, domani dalle 19 Luca Frisetti Dj feat Blanti Sax alla “Piazzetta del Caporale”. Foto US Avellino, ecco il settore giovanile dei lupi Prevenzione, ricordo e promozione territoriale: al Laceno il “Drive in Rosa 2020“ Mercogliano riabbraccia Ascanio: lacrime ed emozioni per il piccolo guerriero in una giornata da ricordare. Fotoservizio Coronavirus, non si ferma la risalita dei contagi (+276) e 12 morti. In Irpinia nuovi positivi nell’alta valle del Sabato Mercogliano, la Pro loco riparte dallo sport: il 18 luglio 1° torneo all’aperto di Badminton Allarme furti a Mercogliano, parla il sindaco D’Alessio: “C’è paura, la notte le persone non dormono”. Video

Le Sardine d’Irpinia in mille ad Avellino

Pubblicato in data: 2/12/2019 alle ore:09:03 • Categoria: PoliticaStampa Articolo

In mille ad Avellino ieri sera per gridare “L’Irpinia non si Lega”. Le sardine si sono ritrovate in piazza Garibaldi per una festa pacifica, senza bandiere politiche, tra canti e cartelli. Si canta “Bella Ciao” e l’inno di Mameli. Claudio Petrozzelli, Mariachiara Nazzaro e Stefano Iannillo, i tre organizzatori dell’evento irpino, che sta contagiando tutte le piazze d’Italia e partito da Bologna, si sono alternati al microfono per parlare alle mille sardine presenti nella piazza del capoluogo irpino. Gli slogan più diffusi: Avellino non si Lega e l’Irpinia non abbocca.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento