alpadesa
  
Flash news:   Incidente sotto la galleria del Monte Pergola: due feriti Capocastello, approvato studio di fattibilità per la messa in sicurezza del borgo A Catania lupi sconfitti per 3-1 Vittoria in trasferta per la Scandone: battuta per 71-82 la Stella Azzurra Roma “Mercogliano Cardioprotetta”, lunedì la presentazione del progetto nell’aula consiliare Autovelox, psicosi tra gli automobilisti per le nuove postazioni lungo il Raccordo e ricorsi per quello della Variante Avellino: raggiunto l’accordo con il centrocampista Nicolas Izzillo Tutto pronto per la Candelora 2020 “Segnalibri della Memoria”, a Mercogliano si ricorda la Shoah Calcio, punto prezioso per il Mercogliano con la capolista

Lettera al sindaco di Mercogliano di una 12enne: «Per Natale regalaci una biblioteca»

Pubblicato in data: 3/12/2019 alle ore:12:06 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

La piccola Enrica Barretta di dodici anni scrive al sindaco Vittorio D’Alessio. L’alunna della locale scuola secondaria di primo grado, nel corso di un compito in classe si è rivolta al primo cittadino del comune di Mercogliano: «Signor sindaco – scrive la bambina – Mercogliano è un paese che ha tra i 12 ed i 15mila abitanti, quindi né grande né piccolo. In questi giorni, grazie a lei, si sta tornando a respirare l’aria del Natale. A me piace tanto leggere, così come a tanti altri ragazzini. E, per questo, avrei preso un’iniziativa: far costruire una biblioteca dove noi e le nostre famiglie ci impegneremo a portare i libri. In fondo, se a Mercogliano siamo 13.500 abitanti ed ognuno di noi porta due libri, avremo una biblioteca con 27mila volumi, un numero grandissimo!». 

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento