alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, in Campania sono 120 i positivi oggi: i tamponi sono stati 2.005. In totale i contagiati sono 3.268 Coronavirus, 2 contagi oggi in provincia: a Cervinara e Rotondi. I positivi ora sono 373 Coronavirus, 604 deceduti rispetto a ieri per oltre 17mila morti totali: dimezzati i nuovi positivi e si riducono i ricoveri in terapia intensiva Coronavirus, Biancardi esprime la vicinanza alla comunità di Lauro e a quelle colpite dai decessi Coronavirus, i volontari consegnano le mascherine a Mercogliano Coronavirus, chiuso a Mercogliano dai Carabinieri un negozio per inosservanza delle prescrizioni sanitarie in materia di contenimento della diffusione del Covid-19 Coronavirus, bollettino regionale: i positivi salgono a 3.148 in Campania. In Irpinia altri due contagiati e un morto ad Ariano Coronavirus, sale di nuovo il numero dei deceduti: 636 rispetto a ieri e oltre 16mila dall’inizio Lutto a Mercogliano, scomparsa la madre del Comandante Leo: il cordoglio dell’amministrazione Buoni spesa, ecco gli esercizi commerciali aderenti all’iniziativa

M5S raccoglie le firme domani a Mercogliano per l’installazione di centraline per rilevare le polveri sottili

Pubblicato in data: 24/1/2020 alle ore:07:00 • Categoria: Politica, Movimento 5 StelleStampa Articolo

Polveri sottili a Torrette: è questo l’argomento del gazebo organizzato dal MoVimento 5 Stelle di Mercogliano per domani, sabato 25 gennaio, dalle ore 16 alle 20, presso il Centro Commerciale. 

Argomento su cui il consigliere comunale pentastellato, Giuseppe Graziano, sta puntando la sua attenzione da alcuni mesi, sollecitato da attivisti e residenti della zona.
Non solo informazione però: domani, infatti, sarà avviata una raccolta firme per chiedere all’amministrazione l’installazione delle centraline per la rilevazione della concentrazione delle polveri sottili con particolare attenzione alle zone di Torrette di Mercogliano e Alvanella di Monteforte, maggiormente esposte agli agenti inquinanti.
“La petizione – dichiara il portavoce 5 stelle – ha tanti obiettivi già dichiarati. Il primo, più noto, è quello di sollecitare l’amministrazione a porre in essere, appunto, le azioni che abbiamo indicato mesi fa. Il secondo, altrettanto fondamentale, è di avviare una campagna di informazione e sensibilizzazione rivolta ai cittadini di Mercogliano, Monteforte ed Avellino affinché si rendano conto dell’importanza di ciò che stiamo chiedendo e che intendiamo realizzare. Ribadiamo che la richiesta iniziale è di creare un tavolo tecnico comunale o intercomunale per porre in maniera seria ed ufficiale la questione e valutare ogni possibile mossa per arrivare ad una soluzione praticabile e condivisa. In questi giorni, inoltre, siamo stati contattati anche da alcuni gruppi ambientalisti di Avellino che ci hanno segnalato che, aldilà delle attività e delle strumentazioni che può mettere in campo l’Arpac, esistono delle centraline di fattura italiana, addirittura made in Campania prodotte da una startup salernitana, che a fronte di una spesa di circa 250 euro consentirebbero, da un lato, di rilevare in tempo reale anche le concentrazioni delle polveri più sottili, dall’altro di rientrare in un circuito mondiale di rilevamento verificabile attraverso un’app sugli smartphone. Questa è un’altra, ulteriore proposta che viene dal basso, dai cittadini che chiedono il rispetto del diritto alla salute e alla salubrità dell’ambiente”.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una Risposta »

  1. ottima iniziativa, respirare aria inquinata è una condanna che non meritiamo. Accendere i camini, le stufe a pellet è altamente inquinante; bruciare residui vegetali è illegale perché seriamente nocivo alla salute; non è sufficiente limitare il traffico automobilistico, occorre informare insistentemente per correggere le abitudini pericolose e introdurre comportamenti innovativi, con uso di energie rinnovabili. ad maiora

Lascia un tuo commento