alpadesa
  
Flash news:   US Avellino, ufficiale: esonerato mister Capuano Coronavirus, a Moschiano effettuati dall’Asl 76 tamponi: uno il positivo Piscina Comunale, la riapertura slitta a settembre. Il timore del Covid ferma le iscrizioni “C’era una volta…“ l’addio al grande compositore Ennio Morricone nei versi di Gabriele De Masi Mercogliano pronta ad abbracciare il piccolo Ascanio: venerdi visita al Santuario di Montevergine e accoglienza in comune Coronavirus, tornano i contagi in Irpinia: ben otto nuovi casi nel Serinese Mercogliano, la storica tabaccheria “Di Nardo” riapre e ritorna nella sua sede rinnova in via Nazionale: oggi l’inaugurazione Irpiniambiente, riparato il guasto allo Stir: da stasera riprende la raccolta dell’indifferenziato Lavori Pubblici, via libera in Giunta per i lavori di messa in sicurezza ed efficientamento energetico a Torelli Rapina al portavalori nel quartiere di Valle, malviventi in fuga verso Mercogliano

Stop alle vittorie consecutive, pari 1-1 con la Vibonese

Pubblicato in data: 13/1/2020 alle ore:11:29 • Categoria: Avellino calcioStampa Articolo

Si chiude sull’1-1 il match al Partenio-Lombardi tra Avellino e Vibonese. A segno per primi i calabresi con un gol di Petermann al 19′, poi la squadra di Capuano pareggia al 47′ con un bel gol Parisi. È il primo risultato del nuovo anno che si chiude in parità dopo quattro vittorie consecutive per i biancoverdi che prendono anche due legni. A fine gara, il mister, espulso per proteste, commenta così: «Ho visto un grandissimo Avellino, nonostante le assenze note e quelle arrivate a gara in corso. Abbiamo colpito due legni, ci sono tanti episodi che solo l’arbitro può valutare, uno su tutti il fallo su Di Paolantonio dove il calciatore avversario meritava quanto meno il giallo. Da quando sono ad Avellino penso che la sfiga mi perseguiti. Eravamo stremati, non avevamo cambi, siamo andati oltre la fatica e forse il rammarico più grande è il colpo di testa sciupato da Micovschi nel secondo tempo. Questi ragazzi hanno fame, volevano vincerla a tutti i costi». Su Parisi: «Non lo venderei mai. E’ come l’oro, aumenta di giorno in giorno». Infine sull’espulsione: «Ho semplicemente detto che era il terzo rigore che non ci veniva assegnato. L’assistente mi ha richiamato, ma l’arbitro non era di questo avviso e ha preferito cacciarmi».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento