alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, i sindaci di Ospedaletto e Summonte scrivono al prefetto: “Non servono protagonisti ma un protocollo comune per gestire l’emergenza” Mercogliano, Avviso pubblico per la costituzione di un elenco di esercizi commerciali per l’assegnazione di buoni pasti per famiglie in condizioni di disagio Coronavirus, deceduto questa mattina 82enne residente a Mercogliano. Le vittime in Irpinia salgono a 24 Confcommercio, iniziative a tutela degli associati Emergenza alimentare, a Mercogliano in arrivo 86mila euro per le famiglie bisognose Coronavirus, attivo al palazzo Abbaziale di Loreto un banco alimentare a sostegno delle famiglie Coronavirus, quattro decessi solo oggi in Irpinia Coronavirus, 12 i tamponi positivi di oggi in irpinia. Salgono a 222 Didattica a distanza, nel decreto stanziati 85mln di fondi: c’è anche I. C. Mercogliano Coronavirus, altri 756 morti in Italia e 3.815 nuovi contagiati

Foibe: oggi è il Giorno del Ricordo

Pubblicato in data: 10/2/2020 alle ore:07:25 • Categoria: Cronaca, CulturaStampa Articolo

Oggi è il Giorno delRicordo che viene celebrato in memoria delle vittime delle Foibe, dell’esodo giuliano-dalmata e delle drammatiche vicende del confine orientale negli anni a cavallo del secondo dopoguerra. Istituito per legge nel 2004, il 10 febbraio rappresenta il momento solenne in cui vengono ricordate le migliaia di infoibati e i circa 250 mila profughi giuliani, dalmati e fiumani che furono costretti a lasciare le loro case dopo la firma dei Tratti di Parigi, il 10 febbraio 1947, che assegnavano alla Jugoslavia l’Istria, il Quarnaro e la maggior parte della Venezia Giulia.

L’Italia firmò il Trattato di Pace impostole dalle potenze vincitrici del secondo conflitto mondiale in base al quale cedette gran parte delle conquiste della Grande guerra alla Jugoslavia. Da quelle terre, a più ondate, scelse l’esilio il 90% dell’italianità ivi radicata da secoli.

Di violenze, deportazioni e uccisioni furono vittima gli italiani della Venezia Giulia, del Carnaro e della Dalmazia, almeno 11.000 vittime. Il nome deriva dai grandi inghiottitoi carsici dove furono gettati molti dei corpi delle vittime, che nella Venezia Giulia sono chiamati “foibe”. La maggioranza delle vittime morì nei campi di prigionia jugoslavi o durante la deportazione verso di essi.
Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento