alpadesa
  
Flash news:   Misericordia del Partenio, domani in comune la cerimonia di ringraziamento ai volontari impegnati per il covid Cimitero comunale, ordinanza del sindaco per il divieto di deporre fiori freschi, piante e corone sulle tombe US Avellino, ufficiale: esonerato mister Capuano Coronavirus, a Moschiano effettuati dall’Asl 76 tamponi: uno il positivo Piscina Comunale, la riapertura slitta a settembre. Il timore del Covid ferma le iscrizioni “C’era una volta…“ l’addio al grande compositore Ennio Morricone nei versi di Gabriele De Masi Mercogliano pronta ad abbracciare il piccolo Ascanio: venerdì visita al Santuario di Montevergine e accoglienza in Comune Coronavirus, tornano i contagi in Irpinia: ben otto nuovi casi nel Serinese Mercogliano, la storica tabaccheria “Di Nardo” riapre e ritorna nella sua sede rinnova in via Nazionale: oggi l’inaugurazione Irpiniambiente, riparato il guasto allo Stir: da stasera riprende la raccolta dell’indifferenziato

Coronavirus, il Venerdì Santo nei versi di Gabriele De Masi

Pubblicato in data: 11/4/2020 alle ore:08:50 • Categoria: Attualità, CulturaStampa Articolo

È il crocifisso ligneo miracoloso di San Marcello, che fermò la peste nel XVI secolo, il simbolo di questo Venerdì Santo ai tempi del Coronavirus. Il dolore, la processione della Via Crucis, la preghiera e la speranza nei versi di Gabriele De Masi.

 


Chiese

 

Chiuse, coi drappi viola del dolore

sui volti dei santi nei tabernacoli,

neanche la traccola batte l’ora

delle funzioni che chiamano a preghiera

i devoti per ultime ore al Salvatore.

La campana legata a penitenza

è muta in cima al gran sepolcro.

Non richiama, non si va per altari

ai ciuffi bianchi del grano cresciuto

al tetro buoi delle sacrestie.

Né, alle cadute sacre di Gesù,

seguito dalla Vergine dal nero velo,

trafitta in petto dalle spade dolorose.

Preghiamo nelle case, alla televisione,

né incenso né fiori, impedito incontro

ai luoghi nuovi di processione.

Simone, Cireneo, sì, penitente,

per una volta, sull’erta col Fratello,

sfiancato dal peso del fardello.

Cristo dalle chiese. Cristo tra la gente.

 

                    Gabriele De Masi

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento