alpadesa
  
Flash news:   Domani visita in Irpinia per il Ministro Bonetti e il senatore Matteo Renzi Montevergine, al via il taglio dell’erba lungo la strada provinciale 274 “Stai comm’ o’ beato Giulio”: il 10 agosto a guardare le stelle cadenti a Montevergine con il Parco del Partenio Regionali, Castiglione FdI: De Luca sta distruggendo l’agricoltura Irpina Coronavirus, altri 7 casi positivi e 3 guariti in Campania oggi: in totale sono 5.016 Viabilità, ieri notte al via i lavori di segnaletica stradale orizzontale in via Nazionale Unpli Campania, finisce il commissariamento: è l’irpino Tony Lucido il nuovo presidente. Gli auguri della Proloco Mercogliano Drive in rosa 2020, ieri in scena la prevenzione e la promozione del territorio nella cornice naturale del Laceno Lavori Pubblici, messa in sicurezza di griglie, tombini e marciapiedi. Via libera per il finanziamento dal GSE per l’Istituto Comprensivo “G. Dorso”. Il laceno si tinge di rosa per la lotta alla prevenzione. Presente il presidente De Luca: “Investiti 160 milioni di euro per finanziare la ricerca”. Foto

Assemblea ASI, approvato il Bilancio consuntivo 2019 all’unanimità

Pubblicato in data: 1/7/2020 alle ore:09:02 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

Si è svolta ieri l’assemblea dell’ASI dove è stato approvato all’unanimità dei presenti, il bilancio consuntivo 2019 del Consorzio Asi di Avellino chiude con un passivo di 368.471 euro, in lieve aumento rispetto ai 323.440 euro del 2018. Il debito complessivo dell’Asi resta “solo” si legge nella relazione allegata al bilancio, di 5.358.359.  Per il comune di Mercogliano a partecipare è stato il vice sindaco Stefania Di Nardo. E’ l’ultimo documento contabile approvato dal consiglio direttivo presieduto da Vincenzo Sirignano, il cui mandato scadrà a maggio 2021, prima della approvazione del consuntivo 2020, una sorta di report di fine mandato. “Il bilancio è in trend con quello dello scorso anno e decisamente migliore rispetto a quelli degli anni passati. La nostra azione è stata finalizzata al recupero del deficit non solo della gestione annuale ma anche del debito pregresso” ha sottolineato il presidente che ai soci ha evidenziato le maggiori difficoltà per il ripercuotersi su questo consiglio direttivo di alcune situazioni pregresse come i 200mila euro da pagare nell’ambito del contenzioso Isochimica “resta ancora un mistero” e le criticità nella gestione delle società partecipate ad iniziare dall’ Asidep, ex Cgs, già sottoposto a proceduta fallimentare il cui 49% è stato messo in vendita a 2.750.000  euro con un bando sotto la supervisione del commissario liquidatore. Asidep nei mesi scorsi ha riscontrato l’interesse della Provincia di Avellino attraverso la partecipata Irpiniambiente “un interesse che ci trova d’accordo ma bisogna tener presente delle procedure in atto. C’è un bando sotto il controllo del tribunale che scade il prossimo 14 Luglio e non può essere ritirato” ha sottolineato Sirignano ritornando sui suoi passi avendo in passato anche paventato la possibilità di una revoca. Irpiniambiente si è mossa per blindare la partecipazione pubblica nella società che si occupa di depurazione industriale, ma non ha i requisiti per partecipare al bando e quindi aveva provato la strada istituzionale diretta con il consorzio di cui fa parte la Provincia. “L’Asidep ha chiuso il bilancio con circa 200mila euro di perdite nel 2019, non è un cattivo risultato – ha continuato Sirignano parlando all’assemblea – ma se non troviamo un acquirente potrà costarci tra i 4 ed i 5 milioni di euro (di cui 2.750.000 al tribunale fallimentare, ndr). Impegno economico a cui non potremmo far fronte. Auguriamoci che con il bando o alla scadenza delle procedure si trovi un acquirente”. iametralmente opposto il discorso per l’Asi-Dev, la società a partecipazione pubblico-privata nata per la gestione della discarica di Difesa Grande, in utile in tutti questi anni ma che si appresta fisiologicamente ad andare in difficoltà con la conclusione della bonifica e la gestione post mortem. “Il monitoraggio della discarica ha solo costi ed alcun ricavo a cui si farà fronte con gli utili accumulati. Bisogna attuare una modifica statutaria per nominare un amministratore unico, una persona che conosca la storia dell’Asi-Dev”.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento