alpadesa
  
Flash news:   Riapertura scuole in Campania, il Tar ordina: Primaria in classe da domani Mercogliano, il forte vento danneggia la casetta dei libri in via Santangelo Coronavirus, un nuovo contagiato a Mercogliano Gestione illecita di rifiuti: i Carabinieri Forestali denunciano due imprenditori edili Neve in Irpinia: Montevergine ricoperta di bianco Coronavirus, da lunedì 18 gennaio in presenza anche la terza classe della Primaria Coronavirus, altri due contagi a Mercogliano Lotta all’esclusione sociale dei bambini, il Comune di Mercogliano parteciperà all’avviso pubblico “Educare in Comune” Coronavirus, tre nuovi positivi a Mercogliano Coronavirus, un nuovo contagio a Mercogliano

“C’era una volta…“ l’addio al grande compositore Ennio Morricone nei versi di Gabriele De Masi

Pubblicato in data: 7/7/2020 alle ore:08:34 • Categoria: Attualità, CulturaStampa Articolo

Con la calura estiva ci lascia chi ha riempito tanti attimi intensi della nostra vita con ricami di note che non dimenticheremo. Anche il frignire delle cicale s’è abbassato di tono, mente un fischio modulato lontano, ripete una sua incantata nenia e riempie l’aria d’armonia. Vivere in Italia. che bello!

Grazie, Ennio.


Ennio

 

Quando si spegne una stella

Il firmamento ha un sussulto

né lo sguardo del cane sull’aia,

che fissa l’infinito, per aria,

fa meraviglia di bellezza

al riverbero, luccichio,

non tanti, distratti, avvertono

l’accendere e spegnere

la eco  d’un modulato fischio,

lontana trama, susseguioso

incontro, immagini di racconto,

languore, spezzoni di pellicola.

Legature, segnature.

 

    Gabriele De Masi

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento