domenica 14 agosto 2022
Flash news:   Festeggiamenti in onore di S.Nicola di Bari e S.Antonio di Padova a Torelli di Mercogliano “Limen” terra di frontiera tra sacro e profano a Mercogliano Piscina comunale di Mercogliano: da settembre riparte la stagione sportiva “E..state a Mercogliano”: ecco il programma di agosto Covid 19, il sindaco di Mercogliano positivo al tampone lo annuncia sui social Politiche 2022: il Pd di Avellino propone una rosa di nomi per le candidature Riapre la piscina comunale di Mercogliano: nuoto libero dal 1 al 31 agosto Galleria Montepergola: dal 3 agosto si viaggia solo in direzione Salerno Domani al “Mercogliano Stadium” prima amichevole dell’Us Avellino 1912 Capocastello: due milioni e mezzo per la messa in sicurezza del borgo di Mercogliano

Mercogliano, la minoranza chiede la revoca dell’ordinanza sulla DAD a richiesta

Pubblicato in data: 30/1/2021 alle ore:00:06 • Categoria: PoliticaStampa Articolo

Il gruppo consiliare Noi per Mercogliano chiede al prefetto di Avellino, al sindaco e alla dirigente scolastica la revoca dell’ordinanza n. 7 del 26 gennaio con la quale il primo cittadino Vittorio D’Alessio ha previsto un modello di Didattica Digitale per i richiedenti dal 1 al 13 febbraio.

Nella nota della minoranza, si fa riferimento all’applicazione erronea di quelle ordinanze regionali che prevedono la frequenza scolastica con collegamento online in modalità sincrona per gli alunni in condizioni di fragilità del sistema immunitario.

Il gruppo Noi per Mercogliano ritiene l’ordinanza sindacale “illegittima, immotivata e gravemente lesiva dell’autonomia scolastica”.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento