alpadesa
  
Flash news:   Tentata truffa ad un’anziana di Mercogliano, indagini in corso dei Carabinieri Sabato su Rai Tre il segreto di Montevergine che salvò la Sacra Sindone Nasce il sito web made in Mercogliano dedicato al mondo del wedding in Campania Avellino-Catania, Daspo a quattro tifosi biancoverdi Il Potenza affonda l’Avellino Sconfitta con il Geko Psa Sant’Antimo: parla coach De Gennaro Denunciato titolare di un’impresa edile di Mercogliano ritenuto responsabile di Gestione illecita di rifiuti provenienti da demolizioni e costruzioni Domani 30° anniversario della caduta del Muro di Berlino Si è sciolto il Direttivo della Curva Sud Avellino Al via la vendita dei biglietti per Avellino-Potenza

Sparì 11 anni fa, per Vincenzo Vietri il Tribunale dichiara la morte presunta

Pubblicato in data: 10/5/2011 alle ore:14:08 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Sparizione di Vincenzo Vietri: con la dichiarazione di morte presunta del ventiseienne scomparso nell’aprile del 2000 da Mercogliano, il Tribunale di Avellino ha chiuso il caso.
A firmare il provvedimento, una pubblicazione disposta su richiesta del capo della procura della Repubblica di Avellino, Angelo Di Popolo. La dichiarazione arriva dieci anni dopo la scomparsa di Vietri, ma non svela completamente il mistero. La vicenda s’intreccia con la storia criminale irpina, dato che dovrebbe trattarsi di un caso di lupara bianca attribuibile al clan del Partenio. All’epoca fu anche emesso un provvedimento restrittivo nei confronti di Umberto Colella, condannato anche per l’omicidio di Modestino Corrado, ma le indagini si sono concluse senza poter individuare nessun colpevole. Nessuna gola profonda del clan Genovese ha mai chiarito quale potesse essere stata la fine del giovane. Si parlò di giri strani e amicizie discutibili che avrebbero avvicinato lo scomparso alla droga.
Vincenzo Vietri, scomparve nell’aprile del 2000 e la sua sparizione venne collegata in qualche modo al clan del Partenio che dettava legge ad Avellino. Una pagina in chiaro-scuro su cui non verrà fatta luce, che non ha svelato, perlomeno fino ad oggi, il mistero di questa scomparsa. Ad essere accusato dell’omicidio di Vietri fu Umberto Colella, arrestato tre anni dopo, ma scarcerato quasi subito: il tribunale del riesame non ritenne l’impianto accusatorio valido. Neanche i vari pentiti del clan del Partenio hanno mai chiarito bene questa vicenda. I genitori del ragazzo, famiglia di onesti lavoratori, hanno chiesto il massimo impegno affinchè ritrovassero il loro congiunto. Ma il loro «Enzo» a casa, ad oggi, non è mai tornato e chissà se lo farà. La speranza è l’ultima a morire, e la famiglia ad essa, disperatamente, insieme alla fede, s’è aggrappata.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento