alpadesa
  
Flash news:   Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, Mercogliano si colora di arancione: da oggi partono le iniziative di sensibilizzazione Non mandano la figlia a scuola: genitori denunciati dai Carabinieri di Mercogliano La Casertana piega l’Avellino: quarta sconfitta in campionato Sesta sconfitta per la Scandone: ko anche a Nardò (73-64) Maltempo, intervento dei Vigili del Fuoco lungo il viale di San Modestino. Foto Tentata truffa ad un’anziana di Mercogliano, indagini in corso dei Carabinieri Sabato su Rai Tre il segreto di Montevergine che salvò la Sacra Sindone Nasce il sito web made in Mercogliano dedicato al mondo del wedding in Campania Avellino-Catania, Daspo a quattro tifosi biancoverdi Il Potenza affonda l’Avellino

Scomparsa Sibilia, Bruno Iovino: “Il commendatore per me è stato come un secondo padre”

Pubblicato in data: 29/10/2014 alle ore:18:17 • Categoria: CronacaStampa Articolo

iovino “Ridurre il mio legame con Antonio Sibilia solamente al calcio sarebbe riduttivo e soprattutto ingeneroso nei suoi confronti. Certo, se oggi il mio lavoro è riconosciuto ed apprezzato, a livello federale e nelle leghe, lo devo a lui, ai suoi insegnamenti. E’ stato Antonio Sibilia a credere in me, e nelle mie capacità, calcisticamente sono nato con lui che mi ha insegnato tutto. Ma il Commendatore per me è stato quasi come un secondo padre. E in fondo lo è stato per tanti, sicuramente un riferimento sicuro. Dietro quell’aria apparentemente burbera, si nascondeva un uomo dalla grande umanità, profondamente legato alla sua terra e sempre disponibile verso chi era in difficoltà. Nel suo lavoro, così come nel calcio, Antonio Sibilia sia era fatto conoscere per le sue qualità personali prima ancora che per le sue capacità. Aveva un modello di gestione improntato al criterio del buon padre di famiglia, imponendo regole, facendosi rispettare ma non mancando mai di rispetto a nessuno. Pioniere in un calcio di altri tempi, espressione di una comunità che oggi quasi non c’è più, tanto è divisa, scollata, intrisa di quell’egoismo che lui non aveva mai amato. Questa Irpinia e questa città forse a lui non sarebbero piaciute e certo, se avesse potuto, non avrebbe fatto mancare il suo contributo per migliorarle. E’ difficile per me trasmettere il senso di vuoto che questa notizia mi ha dato, ma è altrettanto forte in me, e in tantissimi che lo hanno conosciuto ed apprezzato, ricordare e far vivere il suo esempio nell’agire quotidiano. Lo farò per ricordare una persona che tanto ho amato e che tanto mi ha dato. Addio Commendatore, dentro di me tu non morirai mai. Con profonda stima e affetto. Bruno Iovino, direttore generale del Grosseto calcio”.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento