mercoled� 24 aprile 2024
Flash news:   Il prefetto Spena saluta Avellino: sarà commissario per il recupero dei beni confiscati Il gruppo “Mercogliano Futura” accusa: “24 punti all’odg, D’Alessio e la maggioranza offendono la dignità del Consiglio e dei cittadini” Il Consiglio Comunale conferisce il “Mercurio D’Oro” a dipendenti dell’ente S’infrangono i sogni della Scandone di accedere ai play off promozione Ultimo match di campionato tra Avellino e Crotone: i lupi difendono il secondo posto Al Comando provinciale cerimonia di consegna delle tessere ai nuovi iscritti dell’Associazione Nazionale Carabinieri di Mercogliano Giro del Mediterraneo in rosa, questo pomeriggio passaggio a Mercogliano I consiglieri Marinelli e Ferraro (Mercogliano Futura): “Ennesima bocciatura per il sindaco D’Alessio” Arresti ex sindaco Festa, ecco la nota della Procura di Avellino Amministrative, gli elettori del seggio n.11 voteranno nel plesso scolastico di Torelli

Omicidio Bembo, i due indagati agli arresti domiciliari: striscioni di protesta a Mercogliano e davanti al Tribunale. Foto

Pubblicato in data: 30/7/2023 alle ore:20:12 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Agli arresti domiciliari i due giovani accusati dell’omicidio di Roberto Bembo, deceduto il 10 gennaio scorso per le gravissime ferite da una coltellata inferta alla gola. I due sono stati sottoposti agli arresti domiciliari con braccialetto elettronico presso il proprio domicilio. A presentare l’istanza di scarcerazione il loro avvocato Gaetano Aufiero, accolta dal gip Fabrizio Ciccone del tribunale di Avellino. Nella richiesta avanzata dal penalista è stata evidenziata con forza la mancata deposizione della perizia medico legale dopo 7 mesi dal delitto che ha determinato un forte ritardo nella conclusione delle indagini che sono tuttora in corso.

Sulla revisione delle  misure cautelari il sindaco di Mercogliano, Vittorio D’Alessio, ha espresso la propria perplessità: “Ho grande rispetto per la magistratura e per le decisioni che la stessa adotta, da uomo di legge quale sono mi rendo conto che un giudizio di adeguatezza e proporzionalità andrebbe fatto solo attraverso la conoscenza di tutti gli sviluppi dell’indagine . Tuttavia non posso negare che la decisione di attenuare la misura cautelare dei responsabili della morte di Roberto Bembo, in considerazione della efferatezza del delitto e dell’impatto che lo stesso ha avuto sulla mia comunità, mi lasci alquanto interdetto. Il timore che l’attenuazione della misura possa essere letto come una conseguente attenuazione della gravità del fatto accaduto è forte e, per questo, sento ancora una volta la necessità di ribadire, oltre che la mia vicinanza ai genitori di Roberto, la volontà dell’Amministrazione di ritenersi anch’essa parte lesa e, di conseguenza, di esperire tutte le azioni giudiziarie volte ad ottenere giustizia”.

La comunità di Mercogliano ha chiesto invece giustizia con due striscioni esprimendo il proprio dissenso per la decisione del magistrato.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento