Flash news:   Domani il terzo appuntamento del calendario de La Candelora a Montevergine Cerimonia di nomina dei Cavalieri dell’Ordine Pontificio di San Silvestro Papa al Palazzo Abbaziale di Loreto. Foto Presso l’aula consiliare di Mercogliano premiati i vincitori del concorso “Vetrine e balconi di Natale 2022”. Foto Domani il primo evento del calendario de La Candelora a Montevergine Tutto pronto per la Candelora 2023 a Montevergine: sindaco e abate presentano il programma. Foto Vladimir Luxuria conferma la presenza all’edizione 2023 della Candelora: ecco il programma Candelora 2023, conferenza stampa a Mercogliano di presentazione del programma Atto vandalico all’auto del ds De Vito dopo la sconfitta a Messina: il comunicato dell’Us Avellino Torna la neve in Irpinia: temperature in forte calo Omicidio Bembo, il sindaco di Mercogliano D’Alessio: “il dolore non prenda il sopravvento”

Omicidio Cioffi, il Pm chiede 5 condanne

Pubblicato in data: 19/10/2010 alle ore:10:00 • Categoria: CronacaStampa Articolo

A quattro anni dal tragico omicidio di via De Concilii (foto), ieri davanti alla Corte d’Assise di Avellino presieduta da Rescigno (giudice a latere Matarazzo) le conclusioni del pubblico ministero Maria Luisa Buono.
Dure le sue richieste: 22 anni per Michele Valente, accusato dell’omicidio, aggravamento delle imputazioni invece per gli altri tre (Giovanni Valente, Vincenzo Maietta e Pasquale Picariello), la contestazione da rissa a lesioni aggravate ed ha chiesto sette anni di reclusione ciascuno. Due anni di carcere per Francesco Liotti, per l’arma che sarebbe stata utilizzata per l’omicidio di Mauro Cioffi e che sparì subito dopo per non essere mai più ritrovata. Vi è da rilevare che insieme a Valente era imputato di concorso in omicidio anche un minorenne, all’epoca dei fatti, che tuttavia è stato assolto precedentemente dal tribunale dei minori.
L’omicidio avvenne il 24 settembre 2006, una calda serata domenicale, in via De Conciliis, uno dei luoghi della movida avellinese. Mauro Cioffi, 19 anni, venne in contrasto con un gruppo dei ragazzi mercoglianesi e avellinesi.�
L’arma del delitto non è stata mai rinvenuta.
Molti gli aspetti ancora da chiarire, e su cui si annuncia grande battaglia nel corso delle prossime udienze del dibattimento, a cominciare dalla dinamica dell’omicidio: fu un colpo di pistola esploso volontariamente per rispondere a un’onta subita, come sostiene la Procura di Avellino, o il colpo partì accidentalmente durante la colluttazione?
Secondo il pubblico ministero Buono, Cioffi fu prima raggiunto da calci e pugni e poi, sfinito, dal colpo di pistola fatale.�
Attesi ora per il 25 ottobre gli interventi del collegio difensivo, formato dagli avvocati Raffaele Bizzarro, Nello Pizza, Olindo Preziosi e Gennarelli.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento