domenica 02 ottobre 2022
Flash news:   Domenica torna la Camminata Rosa da Mercogliano ad Avellino. Foto A Mercogliano “Storie Sonore” storytelling culturale dal 1 e 15 ottobre Elezioni Politiche 2022, l’Irpinia premia il centrodestra: Gianfranco Rotondi alla Camera e Giulia Cosenza al Senato Torna in vigore l’ordinanza per gli abbruciamenti dei residui vegetali a Mercogliano Elezioni Politiche 2022, Oggi silenzio elettorale. Domani si vota: seggi aperti dalle 7 alle 23 Elezioni Politiche 2022, Gianfranco Rotondi chiude la campagna elettorale a Mercogliano. Foto Elezioni Politiche 2022, bagno di folla per la chiusura del Pd ad Avellino. Petracca: ”straordinaria partecipazione, abbiamo già vinto”. Foto L’Avellino batte il Messina, primi tre punti in campionato World Cleanup Day: successo a Mercogliano perla giornata contro l’inquinamento. Foto Arrestato per stupefacenti 69enne napoletano latitante: era ricoverato in una clinica

I sindaci Carullo e Laurenzano nelle vesti dei dodici apostoli per la Via Crucis ad Atripalda

Pubblicato in data: 20/4/2011 alle ore:07:59 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

I sindaci Carullo e Laurenzano nelle vesti dei dodici apostoli per la Via Crucis di Atripalda.
I due amministratori irpini, il sindaco di Mercogliano Massimiliano Carullo ed il primo cittadino di Atripalda Aldo Laurenzano, per una sera smetteranno i panni degli amministratori delle due cittadine irpine, per vestire quelli di due dei dodici apostoli nella via Crucis che si svolgerà venerdì sera, 22 aprile, nel suggestivo scenario del parco archeologico dell’Antica Abellinum ad Atripalda.
E’ stato Laurenzano ad invitare all’evento atripaldese il sindaco di Mercogliano, Massimiliano Carullo, che si è detto subito disponibile nel ricoprire in scena il ruolo di uno dei dodici apostoli. «Sono molto onorato dell’invito – spiega Carullo – sono emozionatissimo e commosso. Ringrazio il sindaco Laurenzano e la Pro Loco di Atripalda».
Un evento che certamente richiamerà un numerosissimo pubblico, pronto ad affollare il Parco Archeologico.
Il primo cittadino atripaldese non è nuovo alla partecipazione alla famosa rappresentazione in costumi d’epoca organizzata dalla Pro Loco e giunta quest’anno alla sua XV edizione. «Ho sempre partecipato all’iniziativa – ha spiegato più volte il primo cittadino Aldo Laurenzano (nella foto durante l’edizione 2009) – anche quando non ricoprivo incarichi pubblici. Non potevo certo mancare ora, con una manifestazione che valorizza gli scavi archeologici della nostra città».
La Via Crucis «Eli, Eli, Lema’ Sabachtani!» di Venerdì Santo va in scena in forma teatrale sulla base del testo “Quid est veritas?” del magistrato Matteo Claudio Zarrella.
La manifestazione quest’anno ritorna nel parco archeologico dell’Antica Abellinum, dove avrà inizio alle ore 20.15 e prevede la sceneggiatura delle fasi salienti della Passione tra le Terme e la Torre degli Orefici dell’Antica Abellinum, la città romana che intorno al 200 d.c. fu di Silla. Il Parco Archeologico della Civita è tra i più importanti siti archeologici del Mezzogiorno e per l’occasione sarà illuminato nella sua cintura muraria della vecchia città che al suo interno conserva l’antica Domus, una struttura termale ed un Decumano da poco affiorato durante i lavori ad opera della Soprintendenza.
Il rituale delle Cadute e la Crocefissione, come da tradizione, avranno invece la Collina di S. Pasquale come scenario.
La regia dell’evento è affidata, come da sempre, a Lucio Mazza, le recitazioni sono della Compagnia Teatrale del Clan H di Avellino. Il ruolo di Gesù di Nazareth sarà interpretato come da tradizione da Enrico Giovino.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento