alpadesa
  
Flash news:   La Casertana piega l’Avellino: quarta sconfitta in campionato Sesta sconfitta per la Scandone: ko anche a Nardò (73-64) Maltempo, intervento dei Vigili del Fuoco lungo il viale di San Modestino. Foto Tentata truffa ad un’anziana di Mercogliano, indagini in corso dei Carabinieri Sabato su Rai Tre il segreto di Montevergine che salvò la Sacra Sindone Nasce il sito web made in Mercogliano dedicato al mondo del wedding in Campania Avellino-Catania, Daspo a quattro tifosi biancoverdi Il Potenza affonda l’Avellino Sconfitta con il Geko Psa Sant’Antimo: parla coach De Gennaro Denunciato titolare di un’impresa edile di Mercogliano ritenuto responsabile di Gestione illecita di rifiuti provenienti da demolizioni e costruzioni

Pdz A2, la Regione finanzia il progetto del Centro antiviolenza

Pubblicato in data: 30/10/2014 alle ore:14:10 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

Giacomo dello RussoLa Regione Campania ha ammesso a finanziamento il progetto “Centro antiviolenza” presentato dall’Ambito Territoriale A02 con comune Capofila Mercogliano. Il Centro Antiviolenza è aperto a tutte le donne residenti nell’Ambito che hanno subito violenza fisica, psicologica, emotiva, sessuale o economica da parte del partner, dell’ex partner o da un membro della famiglia, o che sono esposte alla minaccia di violenza. E’ ideato quale luogo in cui unire la pratica operativa di supporto e accoglienza verso le donne con un percorso politico di cambiamento culturale attraverso eventi, formazione, sensibilizzazione, diffusione di buone prassi e campagne di prevenzione. Relativamente all’articolazione complessiva dei servizi offerti, il Centro assicurerà le seguenti attività, in conformità con la L.R. Campania n. 2/2011: accoglienza telefonica e personale; consulenza psicologica; assistenza e consulenza legale; orientamento e accompagnamento al lavoro; raccolta, analisi ed elaborazione dei dati emersi dai colloqui e dalle denunce presentate; diffusione dei dati raccolti nel rispetto del diritto all’anonimato dei soggetti utenti. Attraverso il presente progetto, oltre a potenziare tali attività, si procederà anche con: erogazione di un percorso di formazione e aggiornamento per il personale dell’Ambito e del Distretto e per soggetti esterni; organizzazione di iniziative culturali di prevenzione, pubblicizzazione, sensibilizzazione e denuncia del problema della violenza contro le donne e dell’omofobia; promozione del coordinamento dei servizi presenti e collegamento con la rete regionale antiviolenza. Relativamente ai risultati attesi e al numero di destinatari, si ipotizza l’accoglienza di almeno 10 donne, la partecipazione di almeno 30 donne al percorso di formazione, l’organizzazione di almeno 3 iniziative culturali, l’attivazione del collegamento con la rete regionale antiviolenza. Tra i risultati attesi anche, al termine del percorso formativo, la nascita di un’associazione formata dalle donne stesse, da coinvolgere nella gestione del Centro, al fine di un reimpiego sociale delle conoscenze acquisite e di una sostenibilità delle azioni anche in vista di un progressivo ampliamento del funzionamento. Nelle more dell’avvio di una casa di accoglienza per donne maltrattate quale luogo protetto, si farà riferimento a struttura segreta presente sull’Ambito che ha già accolto in passato donne vittime di violenza con il supporto dei servizi sociali territoriali.

Durata: 12 mesi a decorrere dalla data di approvazione da parte della Regione Campania

Modalità di affidamento e gestione dei servizi da realizzare: Affidamento a terzi

Localizzazione del servizio: Centro Sociale “P. Campanello” – Via Nazionale, 222 – 83013 Mercogliano (AV)

Costo Totale del progetto: € 29.219,76

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento