alpadesa
  
domenica 12 luglio 2020
Flash news:   Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno, intervista al dott. Antonio Limone Prevenire i furti nelle abitazioni: i consigli dei Carabinieri del Comando provinciale di Avellino Mercogliano, domani dalle 19 Luca Frisetti Dj feat Blanti Sax alla “Piazzetta del Caporale”. Foto US Avellino, ecco il settore giovanile dei lupi Prevenzione, ricordo e promozione territoriale: al Laceno il “Drive in Rosa 2020“ Mercogliano riabbraccia Ascanio: lacrime ed emozioni per il piccolo guerriero in una giornata da ricordare. Fotoservizio Coronavirus, non si ferma la risalita dei contagi (+276) e 12 morti. In Irpinia nuovi positivi nell’alta valle del Sabato Mercogliano, la Pro loco riparte dallo sport: il 18 luglio 1° torneo all’aperto di Badminton Allarme furti a Mercogliano, parla il sindaco D’Alessio: “C’è paura, la notte le persone non dormono”. Video Misericordia del Partenio, consegna degli attestati di ringraziamento questa mattina in Comune. Foto e Video

Avellino, diritto del lavoro: condannato il Comune di Mercogliano. Il ricorso risale al 2014

Pubblicato in data: 27/6/2020 alle ore:14:59 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

Il Tribunale di Avellino, nella persona della dott.ssa Paola Beatrice, in funzione di giudice del lavoro, con la sentenza del 23 giugno 2020 n. 269 si è pronunciata sul mancato riconoscimento del diritto all’indennità di disoccupazione per un ex lavoratore con contratto a tempo determinato nella pubblica amministrazione.

Condannato il datore di lavoro, il Comune di Mercogliano per non aver versato i contributi necessari alla corresponsione della suddetta indennità da parte dell’Inps per la lavoratrice Maria Carmen Fumiento, la quale aveva presentato ricorso nel lontano gennaio 2014 per veder riconosciuto il proprio diritto a seguito della cessazione nel maggio 2013 del proprio rapporto di lavoro con il Comune.

Una sentenza importante e una delle prime forse su questo caso specifico che vede interessato un ente pubblico ed un lavoratore che in questo caso ha prestato servizio alle sue dipendenze nel periodo compreso dal 2007 al 2013 in virtù di un contratto di collaborazione e di tre contratti a tempo determinato.

La mancata corresponsione dell’indennità di disoccupazione da parte dell’Inps alla suddetta lavoratrice infatti non era potuta avvenire mancando la contribuzione specifica da parte del datore di lavoro (contributo ds).

Nelle sei dettagliate pagine della sentenza, il Tribunale, nella persona del giudice Beatrice Paola, ripercorre chiaramente ogni aspetto legato al ricorso, dichiarando infondate tutte le eccezioni sollevate dal Comune e accertando il diritto della ricorrente al versamento in suo favore dei contributi previdenziali per il periodo di lavoro svolto con contratto a tempo determinato.

Soddisfatta l’Avv. Chiara Cacace che ha rappresentato e difeso la citata lavoratrice che non ha mai smesso di credere nel riconoscimento del proprio diritto. Oggi questa sentenza rappresenta un utile precedente in ordine a casi analoghi e restituisce la giusta dignità alla figura del lavoratore precario che viene tutelato da una chiara normativa in merito.

Un altro tassello in materia di diritto del lavoro e soprattutto di diritto dei lavoratori precari è stato messo in Provincia di Avellino e a cui va dato il giusto risalto per l’importante principio che sancisce riconoscendo il dovere che ha anche la Pubblica Amministrazione al versamento del contributo ds ai dipendenti “in cui il rapporto di lavoro non è caratterizzato da stabilità d’impiego”.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento