luned� 26 febbraio 2024
Flash news:   Riqualificazione della Porta dei Santi, presentato il progetto. Parla il sindaco D’Alessio Sarà riaperto il caso dell’omicidio di Pasquale Campanello Scandone, parte la Play-In Gold Avellino: dopo la vittoria nel derby trasferta contro il Monterosi Omicidio Bembo, restano in carcere i due imputati Domani al Loreto concerto dei vincitori della borsa di studio intitolata al preside Ciro Capossela Pasquale Picone nuovo Questore di Avellino Mercogliano: dopo più di 30 anni dall’ultimo intervento, l’Amministrazione annuncia il restauro della Porta dei Santi L’Avellino domani sera a Potenza dopo la disfatta in casa con il Messina La Scandone Avellino rialza la testa e torna alla vittoria

23 novembre 1980: 43 anni dal devastante sisma che distrusse l’Irpinia

Pubblicato in data: 23/11/2023 alle ore:13:30 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

Sono passati 43 anni da quel disastroso 23 novembre in cui in devastante terremoto distrusse l’Irpinia e Mercogliano. La forte scossa, di magnitudo 6.9 e del X grado della scala Mercalli, alle ore 19.35 colpì non solo la nostra regione ma anche parte della Basilicata. Interi comuni furono spazzati via in un cumulo di macerie che seppellirono 2.914 persone. Una magnitudo del momento sismico di circa 6,9, con epicentro tra i comuni di Teora, Castelnuovo di Conza e Conza della Campania, causò circa 280.000 sfollati e 8.848 feriti.

Così scrive il sindaco Vittorio D’Alessio:

23 novembre 1980
__________________
43° anniversario del terremoto d’Irpinia

ll giorno che cambio per sempre la storia dell’Irpinia e degli Irpini. 90 secondi di distruzione e smarrimento, di polvere e lacrime. Un attimo eterno in cui tutti persero qualcosa, qualcuno. Tra le macerie si fecero subito strada quei sentimenti di solidarietà e di resilienza che ci rendono orgogliosi di essere Irpini.

 

 
Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento