alpadesa
  
Flash news:   Eziolino Capuano nuovo tecnico dell’Us Avellino, esonerato Ignoffo Auto contro cisterna del gas lungo la Variante, giovane ferita e traffico in tilt tra Atripalda e Mercogliano Al via la campagna abbonamenti per la Scandone Operazione “Partenio 2.0”, bufera sulla Lega: si autosospende il coordinatore di Avellino Sabino Morano Givova nuovo sponsor tecnico della Scandone Lutto des Loges, il cordoglio di MercoglianoNews per la perdita del papà della collega e presidente Francesca Operazione “Partenio 2.0”, ecco nel comunicato stampa dei Carabinieri i nomi dei 23 arrestati e le intercettazioni shock Scacco al clan “Partenio 2.0”: 23 arresti nell’operazione della D.D.A. della Procura della Repubblica di Napoli contro i clan camorristici Rissa tra immigrati, paura e tensione a Mercogliano Scandone sconfitta dalla Palestrina per 87-50

Biancardi eletto presidente della Provincia di Avellino, sconfitto l’asse Pd-De Mita

Pubblicato in data: 1/11/2018 alle ore:13:19 • Categoria: PoliticaStampa Articolo

Domenico Biancardi, sindaco di Avella, è il nuovo presidente della Provincia di Avellino. Era sostenuto dal centrodestra e pezzi del centrosinistra. Biancardi è anche Presidente della Comunità Montana Partenio-Vallo Lauro.

Ha vinto contro Michele Vignola, primo cittadino di Solofra, sostenuto dal Pd e dai Popolari di Ciriaco De Mita.

Biancardi raccoglie il testimone da Domenico Gambacorta. “Ha vinto il candidato libero – dice il neo presidente – hanno vinto gli amministratori liberi capaci di resistere alle pressioni. Ora guardiamo avanti, la Provincia sarà la casa dei comuni”.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 1,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento