mercoled� 24 aprile 2024
Flash news:   Il prefetto Spena saluta Avellino: sarà commissario per il recupero dei beni confiscati Il gruppo “Mercogliano Futura” accusa: “24 punti all’odg, D’Alessio e la maggioranza offendono la dignità del Consiglio e dei cittadini” Il Consiglio Comunale conferisce il “Mercurio D’Oro” a dipendenti dell’ente S’infrangono i sogni della Scandone di accedere ai play off promozione Ultimo match di campionato tra Avellino e Crotone: i lupi difendono il secondo posto Al Comando provinciale cerimonia di consegna delle tessere ai nuovi iscritti dell’Associazione Nazionale Carabinieri di Mercogliano Giro del Mediterraneo in rosa, questo pomeriggio passaggio a Mercogliano I consiglieri Marinelli e Ferraro (Mercogliano Futura): “Ennesima bocciatura per il sindaco D’Alessio” Arresti ex sindaco Festa, ecco la nota della Procura di Avellino Amministrative, gli elettori del seggio n.11 voteranno nel plesso scolastico di Torelli

Politica, nasce in città il club “Forza Silvio non ti dimettere”

Pubblicato in data: 12/11/2010 alle ore:10:25 • Categoria: Politica, PdlStampa Articolo

Fondato a Mercogliano il primo club d’Italia “Forza Silvio non ti dimettere”. L’Associazione fondata dallo storico dirigente prima di Forza Italia e poi del Pdl, Antonio Buonaiuto, ha l’obiettivo di sostenere sul territorio irpino l’azione politica e di Governo del premier che in queste ore è al centro di un duro scontro politico a livelllo nazionale.
Nel nostro piccolo – ha dichiarato Buonaiuto – intendiamo manifestare pieno sostegno e appoggio al presidente Berlusconi. Siamo fiduciosi: Berlusconi deve rimanere al Governo del nostro paese“.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una Risposta »

  1. […] […]

Lascia un tuo commento