alpadesa
  
Flash news:   Denunciato titolare di un’impresa edile di Mercogliano ritenuto responsabile di Gestione illecita di rifiuti provenienti da demolizioni e costruzioni Domani 30° anniversario della caduta del Muro di Berlino Si è sciolto il Direttivo della Curva Sud Avellino Al via la vendita dei biglietti per Avellino-Potenza Controlli e sequestri dei Carabinieri Forestali di Avellino in supermercati di Atripalda e Mercogliano Coppa Italia, vittoria in rimonta con la Cavese. Foto Maltempo, chiusi parchi pubblici e cimitero a Mercogliano Allerta meteo arancione, oggi scuole chiuse a Mercogliano Coppa Italia Avellino-Cavese, info sui biglietti Infiltrazioni al PalaDelMauro, gara rinviata

Dichiarazione dei redditi, Franco De Luca il più ricco e Marco Pugliese il più trasparente. Al Senato Sibilia in coda

Pubblicato in data: 20/3/2012 alle ore:10:06 • Categoria: Attualità, PoliticaStampa Articolo

Resi pubblici i redditi dichiarati dai parlamentari per l’anno 2010. Ecco le dichiarazioni dei deputati irpini:

1- Franco De Luca: 441mila euro

2 – Giulia Cosenza: 200mila euro

3 – Marco Milanese: 178mila euro

4 – Gianfranco Rotondi: 175mila euro

5 – Arturo Iannaccone: 134mila euro

6 – Marco Pugliese: 124mila euro, unico a pubblicare la dichiarazione sulla propria pagina della Camera

7 – Francesco Pionati: 106mila euro.

Al Senato Enzo De Luca ha dichiarato 228mila euro mentre Cosimo Sibilia 157mila euro.

A livello nazionale la dichiarazione più alta è quella dell’ex premier Silvio Berlusconi con 48.180.792 euro. In coda Umberto Bossi con 124mila euro e il vice presidente di Futuro e Libertà, Italo Bocchino con 119mila euro.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento