mercoled� 24 aprile 2024
Flash news:   Il prefetto Spena saluta Avellino: sarà commissario per il recupero dei beni confiscati Il gruppo “Mercogliano Futura” accusa: “24 punti all’odg, D’Alessio e la maggioranza offendono la dignità del Consiglio e dei cittadini” Il Consiglio Comunale conferisce il “Mercurio D’Oro” a dipendenti dell’ente S’infrangono i sogni della Scandone di accedere ai play off promozione Ultimo match di campionato tra Avellino e Crotone: i lupi difendono il secondo posto Al Comando provinciale cerimonia di consegna delle tessere ai nuovi iscritti dell’Associazione Nazionale Carabinieri di Mercogliano Giro del Mediterraneo in rosa, questo pomeriggio passaggio a Mercogliano I consiglieri Marinelli e Ferraro (Mercogliano Futura): “Ennesima bocciatura per il sindaco D’Alessio” Arresti ex sindaco Festa, ecco la nota della Procura di Avellino Amministrative, gli elettori del seggio n.11 voteranno nel plesso scolastico di Torelli

Festa della Candelora 2022, “Montevergine” nei versi di Gabriele De Masi

Pubblicato in data: 1/2/2022 alle ore:19:02 • Categoria: CulturaStampa Articolo
Domani, martedì 2 febbraio 2022, si rinnova, a Montevergine, l’antichissima festa della Candelora, nota ai più come la ”Juta dei Femminielli”, che si recano in preghiera al Santuario per rendere grazie a una delle sette Madonne, Mamma Schiavona, protettrice dei diversi. 
Una delle leggende più accreditate vuole che, prima ancora della fondazione del santuario, due omosessuali, scoperti in atteggiamenti intimi, furono mandati a morire di freddo e dati in pasto ai lupi sulla sommità del Monte Partenio, ma, protetti da Mamma Schiavona, i due giovani sopravvissero e poterono amarsi. 
A seguire, i versi di preghiera di Gabriele De Masi per celebrare tale giornata di offerta, di sacrificio e di sudore, che si ripete, in un alternarsi di devozione e folclore, puntualmente ogni anno.
Lo sguardo calamitato della Grande Madre, che accoglie e segue con i suoi occhi, ovunque la si guardi, tutti i devoti, vale più di ogni parola.

 


Montevergine

 

Madonna dello sguardo,

il Bimbo in braccio, gli angeli

per lato, leggera sul trono

d’altare, sguardo che cerca

e non lascia, chiede, conosce

i profondi dolori, le grazie

impetrate, le speranze fondate.

Attendi, accogli la venuta

per l’erta santa, juta

verso il monte e non è pianto

che non consoli e asciughi,

sgomento che non ripiani

a noi in basso sul pendio,

sempre più affannati, non stanchi,

perché, Madonna dello sguardo,

una volta su, possa Tu fissarci

e noi, negli occhi, guardarti.

 

                             Gabriele De Masi

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento