alpadesa
  
Flash news:   Tamponi drive-in, l’Asl attiva 5 postazioni fisse in Irpinia Coronavirus, 6 nuovi positivi a Mercogliano e 247 contagi in Irpinia Coronavirus, i nuovi casi in Italia sono 21.994 con i morti che salogono a 221. In Campania nuovo record Coronavirus, un nuovo caso a Mercogliano e 93 in Irpinia Coronavirus, il sindaco D’Alessio smentisce: “non sono positivo né contagi in Comune” Padre Gerardo Di Paolo è il nuovo Direttore della Biblioteca Statale di Montevergine L’Avellino travolge la Casertana: 3-1 il finale Coronavirus, i nuovi casi in Italia sono 21.273. In Campania nuovo record Piscina comunale di Mercogliano, sospese le attività fino al 24 novembre Coronavirus, aumentano i contagi in Irpinia: 91 i nuovi casi. A Mercogliano 12 positivi

Partenza in grande stile per la prima giornata del XIX Trofeo Rolando D’Amore

Pubblicato in data: 27/8/2011 alle ore:15:02 • Categoria: Sport, auto d'epocaStampa Articolo

trofeo-damore-4Partenza in grande stile per la prima giornata del XIX Trofeo Rolando D’Amore. Le quarantanove autovetture sono partite, sfilando una dopo l’altra nel “salotto buono” di Avellino, per la prima tappa della due giorni sportiva in terra irpina valida per il campionato Italiano ACI – CSAI, patrocinato dall’Automobile Club, dal CONI di Avellino, dal Consorzio Lago Laceno e dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Avellino. Dopo il raduno dei partecipanti presso il Circolo della Stampa e la formalizzazione delle iscrizioni con le verifiche tecniche e sportive delle auto, tutte le vetture, storiche prima e moderne poi, si sono dirette verso il Monte Terminio e il Laceno. Presenti sin dalla prima mattinata, il presidente del Green Racing Club organizzatore della gara di regolarità classica auto storiche e moderne, Eugenio Avitabile, insieme a tutti i membri del comitato organizzatore. A fare da apripista su Alfa Romeo Giulietta Spider (anno 1959), Massimo Cecchi ed Emma Graziani della Scuderia Nettuno. Tra i partecipanti in gara quest’anno anche i vincitori della Millemiglia 2011, i coniugi Giordano Mozzi e Stefania Biacca, con una Lancia Fulvia Coupè 1300 del trofeo-damore-61973. Dalla Lancia Ardea del 1947 all’Autobianchi A112 Abarth del 1975 per la categoria auto storiche e dalla Lancia Montecarlo del 1980 fino alla Bmw M3 del 1990 per la categoria auto moderne, tutte le autovetture hanno affrontato 62 prove e affronteranno le restanti 26 domenica. La seconda giornata prende il via alle 9.30, sempre da corso Vittorio Emanuele, alla volta di Tufo per la Coppa Greco di Tufo e Passo Serra per la Coppa Raffaele Iacobellis. La classifica finale sarà redatta, a conclusione di gara, in base alla somma delle penalità di ciascun partecipante relativamente ai diversi risultati ottenuti nelle 88 prove speciali. Ad assicurare il corretto svolgimento della due giorni il direttore di gara, Rosario Moselli, il responsabile centro classifiche Marco Dal Prato con la collaborazione curata dal GRC dei cronometristi di Avellino diretti dal professor Lucio Lanzetta, i commissari di percorso dell’Aci di Salerno e commissari formati dal GRC. Il servizio cronometraggio è affidato alla Crono Car Service di Mantova. Nel pomeriggio trofeo-damore-5di domenica alle ore 17.00 presso l’Hotel Belsito si terrà la cerimonia di premiazione alla presenza del sindaco di Avellino Galasso, dell’assessore Barbaro, del presidente della Provincia Sibilia e del sindaco di Tufo Fabio Grassi che consegneranno personalmente le coppe ai primi classificati. Naturalmente il Trofeo Rolando D’Amore sarà consegnato dalla signora Rosetta, figlia dell’indimenticato Rolando. Tutti gli appassionati di auto sono invitati a partecipare.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento