Flash news:   Covid 19, in Irpinia 555 persone contagiate: sono 29 i residenti nel comune di Mercogliano Covid 19, in Irpinia 633 persone contagiate: 18 i residenti nel comune di Mercogliano Indagini ambientali a Mercogliano, protocollo d’intesa con l’Università degli Studi di Napoli Federico II Covid 19, in Irpinia 640 persone contagiate: 22 sono residenti nel comune di Mercogliano Covid 19, in Irpinia 797 contagiati: 35 residenti nel comune di Mercogliano Fino a sabato lo screening gratuito per gli alunni ed il personale scolastico promosso dall’Amministrazione comunale di Mercogliano Prova a vendere su internet un robot da cucina ma viene truffata: tre persone denunciate dai Carabinieri di Mercogliano Covid 19, in Irpinia 341 contagi: a Mercogliano 11 nuovi positivi Covid 19, in Irpinia 483 nuovi contagi: a Mercogliano 11 positivi Tre detenuti nella notte sono evasi dalla Casa Circondariale di Avellino: uno già preso in corso le ricerche degli altri due

XXII Trofeo Rolando D’Amore: conclusa la prima giornata, domani II tappa e premiazione dei vincitori

Pubblicato in data: 30/8/2014 alle ore:22:56 • Categoria: Sport, auto d'epocaStampa Articolo

rolando d'amoreUna dopo l’altra le 59 meravigliose auto storiche hanno sfilato in Corso Vittorio Emanuele per la prima giornata della due giorni sportiva del XXII Trofeo Rolando D’Amore. Dopo il raduno dei partecipanti e la formalizzazione delle iscrizioni con le verifiche tecniche e sportive delle autovetture, tutte le vetture d’annata si sono spostate in direzione Lago Laceno sotto l’occhio vigile del direttore di gara Rosario Moselli, dove, dopo tre riordini sono ripartiti verso Avellino per concludere la serata degustando prodotti tipici irpini.

Ad accogliere i partecipanti come di consueto, il presidente del Green Racing Club organizzatore della gara di regolarità classica auto storiche, Eugenio Avitabile, insieme al presidente del Coni di Avellino Giuseppe Saviano e al presidente Aci di AvellinoStefano Lombardi. Presenti anche i membri del comitato Emilio Carovello, Federico Di Iorio, Valerio Giannattasio e Sergio Spina.
Alfa Romeo, Honda, Lancia, Fiat, Mini Cooper, Porsche, Renault, Austin Healey, Autobianchi, Innocenti: i grandi marchi che hanno fatto la storia dell’auto e che continuano ad appassionare esperti e non che hanno attirato l’attenzione di tanti curiosi e appassionati in corso Vittorio Emanuele. In gara, infatti, tra le più antiche anche due Fiat 508 Coppa d’Oro (Ghia e Sport Coupè) del 1932 della Scuderia Franciacorta Motori, una MG TB del 1938 e una Lancia Aprilia 1350 del 1939 della Scuderia Classic Team Eberhard. «Abbiamo lavorato tanto e con passione affinché anche questa edizione del trofeo D’Amore abbia una bella riuscita come tutte quelle degli anni passati. Questa manifestazione – dichiara il presidente Avitabile –  è diventata il fiore all’occhiello del settore auto storiche irpino. Le bellissime auto, curate con dedizione dai proprietari, diventano ogni anno più numerose infatti il numero di adesioni cresce di anno in anno e ne siamo estremamente orgogliosi».Ora è attesa per la gara di domani, domenica, in vista della definizione della classifica ufficiale che sarà redatta, a conclusione di gara, in base alla somma delle penalità di ciascun partecipante relativamente ai diversi risultati ottenuti nelle 99 prove speciali (“III La Cento Prove Speciali”, “XX Coppa Green Racing Club”, “XI Coppa Raffaele Iacobellis”, “VII Coppa delle Dame”, “V Trofeo Alfisti Irpini”, “III Trofeo Cavalleria Irpina”, “V Coppa del Greco di Tufo”, “V Coppa Circuito del Laceno” e il “IV Trofeo Regolarità Città di Avellino”).

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento