mercoled� 24 aprile 2024
Flash news:   Il prefetto Spena saluta Avellino: sarà commissario per il recupero dei beni confiscati Il gruppo “Mercogliano Futura” accusa: “24 punti all’odg, D’Alessio e la maggioranza offendono la dignità del Consiglio e dei cittadini” Il Consiglio Comunale conferisce il “Mercurio D’Oro” a dipendenti dell’ente S’infrangono i sogni della Scandone di accedere ai play off promozione Ultimo match di campionato tra Avellino e Crotone: i lupi difendono il secondo posto Al Comando provinciale cerimonia di consegna delle tessere ai nuovi iscritti dell’Associazione Nazionale Carabinieri di Mercogliano Giro del Mediterraneo in rosa, questo pomeriggio passaggio a Mercogliano I consiglieri Marinelli e Ferraro (Mercogliano Futura): “Ennesima bocciatura per il sindaco D’Alessio” Arresti ex sindaco Festa, ecco la nota della Procura di Avellino Amministrative, gli elettori del seggio n.11 voteranno nel plesso scolastico di Torelli

Lunedì 23 novembre 2020 “Mercogliano 1980 – suoni, immagini e memoria a 40 anni dal terremoto dell’Irpinia”

Pubblicato in data: 21/11/2020 alle ore:15:03 • Categoria: Attualità, ComuneStampa Articolo
“Celebreremo i 40 anni dal sisma dell’80 – spiega il Sindaco di Mercogliano Vittorio D’Alessio –  affidando la riflessione su quello che fu uno degli eventi più drammatici della storia del Mezzogiorno d’Italia e che per sempre ha cambiato la rotta della nostra storia, alle immagini ed ai suoni di quei 90 secondi di devastazione. Abbiamo pensato di onorare la memoria di questo giorno senza troppe parole, ma con un evento capace di riportarci ai sentimenti, anche se dolorosi, di quegli attimi. Una piccola finestra su uno spaccato di vita quotidiana, una domenica sera qualunque che venne interrotta da un boato che in pochi istanti rase al suolo interi paesi, provocò 3000 morti e 9000 feriti, isolò interi paesi, divise famiglie, cambiò per sempre le loro storie. Ma dal ricordo delle macerie faremo emergere anche un messaggio di coraggio e speranza.”

Lunedì 23 novembre, dalle ore 18:30, si ritroveranno in Piazza Municipio a Mercogliano e saranno in diretta su Prima Tivvù e sui canali social del Comune di Mercogliano il Sindaco di Mercogliano e l’Assessore delegato alla protezione civile Carmine Marinelli, l’Abate di Montevergine Riccardo Luca Guariglia, che rivolgerà il suo messaggio di ricordo e soprattutto di incoraggiamento a tutta l’Irpinia, il Presidente della Consulta comunale del “Patrimonio identitario, ricerca, valorizzazione e promozione del territorio” Antonio Severino e la referente dell’Abbazia Territoriale di Montevergine Alessandra Fusco che leggerà alcune cronache del tempo conservate nell’archivio dell’Abbazia.
 
“Grazie alla preziosa collaborazione di Don Giuseppe Iasso – spiega il Presidente della Consulta Antonio Severino – abbiamo fatto una ricerca delle immagini originali di Mercogliano, scattate nei momenti immediatamente successivi al terremoto, abbiamo recuperato la famosa “voce del terremoto” ovvero l’audio registrato di quei momenti mentre su Radio Alfa si trasmetteva musica di intrattenimento  e abbiamo costruito un contenitore di emozioni, convinti che proiettarsi con la vista e l’udito verso quegli attimi possa essere efficace per attivare quel meccanismo di rammemorazione e trasmissione della nostra storia, la storia dei nostri genitori e delle nostre famiglie. Ricordare per mantenere alta l’attenzione su ciò che è stato, ma soprattutto su quello che deve essere il nostro impegno per il futuro”.

L’evento sarà realizzato, come da disposizioni vigenti, in forma ristretta con la presenza in Piazza Municipio esclusivamente degli organizzatori, il pubblico potrà seguirlo in diretta su Prima Tivvù e sui canali social del Comune di Mercogliano.
Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento