luned� 20 maggio 2024
Flash news:   Domenica cerimonia di chiusura dell’Anno Giubilare Verginiano “Essere Mercogliano” si presenta con Antonio Gesualdo: “città fantasma, noi la faremo rivivere” “Essere Mercogliano” si presenta domani nel luogo tanto caro ai cittadini Domani presentazione della lista “Io Scelgo Mercogliano” “Essere Mercogliano”, la proposta di Gesualdo: “Vorrei confrontarmi con i miei due competitor in un dibattito pubblico” Il Papa ai monaci di Montevergine in udienza “non conformatevi agli stili del mondo“ “Essere Mercogliano” scalda i motori: ecco i nove punti del programma elettorale “Massimiliano Carullo sindaco – Camminiamo Insieme” è la prima lista presentata al Comune Amministrative 2024, presentate tre liste a Mercogliano: contro l’uscente D’Alessio in campo Carullo e Gesualdo “Io Scelgo Mercogliano“ in campo con il gruppo consolidato del sindaco D’Alessio e nuove giovani risorse

Auguri di Buon Natale nei versi di Gabriele De Masi

Pubblicato in data: 26/12/2022 alle ore:09:23 • Categoria: CulturaStampa Articolo
In occasione del Natale 2022 proponiamo un vecchio componimento di Gabriele De Masi del 1977, che racchiude i sentimenti e l’atmosfera della vigilia di Natale, con la speranza che possa aprire il cuore di ognuno di noi.
 
Preceduta da una sua breve introduzione:
 
“Papa Francesco ci ha ricordato un Natale semplice e modesto, senza fronzoli e doni costosi. Seguire la traccia della Stella per un cammino della gioia dell’anima, nell’attendere l’evento. La festa del cuore, nell’attesa dell’incanto, è la vera ricompensa, inebriante di doni inestimabili, oltre il materialismo grossolano di posticci festoni e luminarie artificiali. Quanti Natali, mi sono stati chiesti di cantare! Oggi, la guerra, la malattia, la crisi, lo smarrimento. Negli anni, le ricorrenze, gli slanci, le gioie, le assenze, i lutti…Voglio, per questo 2022, recuperare dei versi del 1977, che, già allora, mi sembravano lontani e irripetibili! La semplicità del Natale.”

 


La notte di Natale

 

La notte di Natale

mio padre in testa

con le candele

accese,

portavamo io

e i miei fratelli

il Bambino,

dalla campana di vetro

in giro

per le stanze di casa

fino a mia madre,

in cucina,

che sorrideva

preparando le frittelle

per la festa.

       

            Gabriele De Masi

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento