Flash news:   Mercogliano in ricordo di Pasquale Campanello Congresso Pd, la Commissione provinciale approva l’anagrafe degli iscritti: al via le convenzioni di circolo Trent’anni di memoria e impegno quotidiano alla ricerca della verità per Pasquale Campanello Candelora 2023, i ringraziamenti del sindaco Vittorio D’Alessio. Foto Funicolare di Montevergine, pienone di pellegrini per la Candelora. Foto Montevergine, i Vigili del Fuoco con il Gatto delle Nevi per raggiungere la torre della stazione radio base. Foto Strappo nella Giunta D’Alessio: l’assessore Pasquale Ferraro rimette alcune deleghe Candelora2023, il Comune di Mercogliano si tinge dei colori dell’arcobaleno Incontro sinodale nella sala consiliare di Mercogliano L’Avellino a Potenza nel segno del nuovo attaccante Michele Marconi

Turismo, Giuseppe De Mita: “Quello religioso la vera priorità”

Pubblicato in data: 23/12/2010 alle ore:07:30 • Categoria: Politica, UdcStampa Articolo

Costruire politiche strategiche per il turismo che si strutturino sulla domanda e non sull’offerta come accaduto nel recente passato, diversificare l’idea ed il concetto di attrattore turistico e dotare il territorio di infrastrutture evitando che si inciampi nella logica delle opere pubbliche a tutti i costi. Sono queste le linee guida che secondo Giuseppe De Mita, vice presidente della giunta regionale della Campania con delega al Turismo, debbono essere seguite.
Il vicegovernatore ha preso parte ieri mattina al confronto sul tema “Il turismo del gusto e della Fede”, iniziativa che si inserisce nell’ambito delle attività del I Salone dei Gusti Monastici Culla delle Tradizioni e delle Qualità Territoriali” presso l’Abbazia del Loreto di Mercogliano.
All’incontro sono intervenuti il padre Abate di Montevergine, monsignor Umberto Beda Palazzi, Padre Riccardo Luca Guariglia, Priore di Montevergine, Loredana Conti, commissario Ept di Avellino e Responsabile settore Musei e Biblioteche della Regione Campania. L’incontro è stato moderato da Emanuele Mollica, Commissione Diocesana Beni Culturali di Montevergine. 
Per il polo di Montevergine il vice presidente De Mita ha annunciato la possibilità a partire dal 2011 di utilizzare i fondi europei a valere sulle misure 1.9 e 1.11. Inoltre, è stata ribadita la necessità di provvedere al recupero della struttura ricettiva che si trova presso il santuario di Mamma Schiavona che può rappresentare una prima risposta in termini di accoglienza ai tanti pellegrini che ogni anno affollano la struttura religiosa di Mercogliano.
Per De Mita bisogna puntare al turismo religioso che in Irpinia – tra Montevergine e Materdomini – muove oltre due milioni e mezzo di pellegrini all’anno. “E’ sulla domanda che bisogna costruire l’offerta – ha dichiarato De Mita – e non deve avvenire il processo inverso, come accaduto finora attraverso i fondi relativi alla programmazione 2000-2006”.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento